Si forma presso la Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Mlano, trasferendosi poi a New York City e studiando danza classica con Robert Denvers, Sallie Wilson, ecc. In Italia studia con Robert Strainer, Marc Renouard, Jean Philippe Halnaut, Tuccio Rigano, Luc Bouy, ecc.

Professiionalmente lavora dal febbraio ’86 all’estate ’99 presso il Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Trieste, partecipando sia alle stagioni liriche invernali sia ai Festivals delle Operette estivi (come solista in “Pipistrello”, cor. di Gino Landi, “Schiaccianoci”, cor. di Giuliana Barabaschi, “Coppelia”, cor. di Roberto Fascilla, “Parata di Primavera”, cor. di Baayork Lee, “La Traviata”, cor. di Carlos Iturrioz). Per la televisione danza in Premiatissima 85, Gran Galà e W le donne nell’86, Festival nell’87, con cor. di Gino Landi; Europa Europa e La Corrida nell’88, con cor. di Celia Sutherland. Partecipa al film “Passi d’amore” di Sergio Sollima, come ballerina e attrice, e alle commedie musicali (come ballerina e cantante): “Le luci del varietà” di Mino Bellei al Teatro Parioli di Roma (‘89); “Arcobaleno”, cor. e regia di Gino Landi; “Cabaret”(ott. ’94-genn. ’95) e “Dolci vizi al foro”(genn.’95-maggio ’95) con la Compagnia della Rancia , cor. di Baayork Lee e regia di Saverio Marconi. Danza con il Balletto di Toscana (ott.’95-genn.’96) “La Traviata”, cor. di Rehinild Hoffman (Teatro Carlo Felice di Genova) e “Hortensia”, cor. di Cesc Gelabert (Teatro Comunale di Ferrara), poi al Teatro di San Carlo a Napoli (genn.’96- giu. ’96) in “Excelsior”, cor. di Ugo Dell’Ara e “Il Lago dei cigni”, cor. di Ricardo Nunez, al Milner Ballet, al Teatro dell'Opera di Roma, al Teatro Comunale di Bologna e con la Compagnia Italiana di Balletto. Danza in “Scarpette rosse”, cor. di Daniela Malusardi (Latina, dic. ’98), in “Dancing coreographie”, workshop ideato da Cesc Gelabert (Berlino, 25/8-5/9/97) sul Metodo Cos Art e la sua applicazione alla danza classica e contemporanea, sull’interpretazione, la improvvisazione e la composizione coreografica, “Divercity”. Progetto sociale –spettacolo, ideato da Sarah Taylor e Claudio Misculin dell’Accademia della Follia (Trieste, Sala Tripcovich 2/2/2006; Ferrara, Teatro Comunale, 13/04/2006; Munster (Germania), 2° Madness Festival, 1° maggio 2006; Rimini, 18 maggio 2006).

Crea le coreografie per “Assaxination, lo strano caso del Dr Saxyll e Mr Eight”, regia di Francesco Saponaro (Teatro Elicantropo, Napoli giu. ’96) e “La distanza della Luna”, regia di Giovanni Moschella (E.A.R. Teatro Vittorio Emanuele di Messina, genn. ’97).

 

Laura Morandini